20/10/2017 - 21/10/2017
ERASMEGIDIO, DI API E DI CAOS
ERASMEGIDIO, DI API E DI CAOS


Due talenti emergenti della drammaturgia europea, Laura Grimaldi e il bulgaro Yasen Vasilev, presentano radicali riscritture di “Papa Giulio escluso dal Cielo” di Erasmo da Rotterdam e il dialogo “Egidio” di Giovanni Pontano.
Papa Giulio II, una volta morto, cerca di varcare le porte del paradiso ma viene respinto da san Pietro. Si arrabbia e così cerca di convincerlo che la sua idea di Chiesa è ormai superata cercando di convertirlo agli ideali della forza, del denaro e del potere. Invano, perché nonostante le minacce con tanto di armate, rimarrà fuori dal Paradiso. L’istituzione del papato ne esce così altamente degradata. Il pamphlet non fu firmato da Erasmo da Rotterdam e ne negò la paternità quando i luterani lo prenderanno come libro-bandiera. In realtà alcuni filologi moderni, tra cui Silvana Seidel Menchi, lo riattribuiranno a lui a circa V secoli. In maniera inoppugnabile. Un testo che ripercorre gli anni della Riforma e incrocia i principali protagonisti dello scontro teologico dell’epoca.
L’Aegidius di Giovanni Pontano, amico di Egidio da Viterbo, rievoca la figura del teologo ispiratore del Luteranesimo in un Dialogo. Un dibattito di idee utile per evidenziare l’importanza che avranno le idee Egidio nella storia.

Per il ciclo michelangiolesco di Quartieri dell'Arte, al Complesso di Sant'Agnese a Vitorchiano, venerdì 20 e sabato 21 ottobre alle ore 21:00, vanno in scena, con Erasmegidio, due folgoranti riscritture, concepite dai giovani drammaturghi Laura Grimaldi e Yasen Vasilev, di opere di Giovanni Pontano e Erasmo da Rotterdam, messe in scena da Matteo Angius e Riccardo Festa.
Parte del progetto EU Collective Plays! co-finanziato dal Programma Creative Europe dell'Unione Europea.
Per prenotazioni ufficiostampaquartieridellarte@gmail.com

Con la collaborazione del Comune di Vitorchiano e dell'Associazione culturale IANUS